Voglio tanto bene a Terry Gilliam

A chi vuoi più bene a Mamma o a papà? chiedeva il grande capo Palla Pesante della tribù dei Cefalon al figlio Capo di Bomba.

Capo di Bomba rispondeva: «A Pippo Baudo», io invece non posso che rispondere: «A Terry Gilliam.»

L’ho sempre amato visceralmente, sin dai cartoni animati che creava per i Monty Python Flying Circus, passando per il delirante «Brazil», fino a «L’uomo che uccise Don Chisciotte».

Un amore senza «se» e senza «ma». Adoro il suo mettere tutto sotto sopra, il suo sguardo sempre meravigliato e meraviglioso, il suo sconvolgere la quotidianità dalle radice. Dopo aver visto un suo film il mondo non può essere più lo stesso e se hai visto «L’esercito delle 12 scimmie» sai bene di cosa sto parlando.

Gilliam è sicuramente uno dei più grandi barman della storia, perché sa mescolare colto e pop, alto e basso, immagini ferme e e in movimento, per creare dei cocktail raffinati, ma dolciastri e mai dissetanti.

Dammi retta, fatti un regalo, compra «Gilliamesque, un’autobiografia pre-postuma».

Puoi leggere le bozze in anteprima e lasciare una recensione sul sito di Bookabook.

Ogni piccolo gesto e condivisione del link può aumentare il bacino dei potenziali lettori e può avvicinarmi all’obiettivo di raggiungere le 200 copie di prevendite, grazie al quale «Tutti vogliono uccidere Dio» potrà uscir a riveder le stelle.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...