Reuven Feuerstein

ll metodo.

Psicologo israeliano (Botosani Romania 1921 – Gersusalemme 2014).

ll Metodo Feuerstein è uno strumento inventato dallo psicologo israeliano Reuven Feuerstein, il cui obiettivo è sviluppare le potenzialità dell’individuo e aumentare la sua capacità di modificarsi di fronte al cambiamento.

Il “Metodo” di Feuerstein in realtà è modo di concepire la mente e la persona, che Reuven Feuer- stein ha tradotto nella pratica creando due strumenti molto efficaci:

  • il Programma di Arricchimento Strumentale (PAS)
  • la Valutazione della Propensione all’Apprendimento (LPAD), che potete approfondire nellasezione “in cosa consiste”.

Il vantaggio del Metodo Feuerstein è che non lavora sui contenuti specifici (come storia o matematica), ma sui processi che sono necessari per imparare i contenuti specifici. Il Metodo si focalizza sul come si utilizza la mente e sulle strategie per farlo in modo efficace: in questo modo, una volta che si è imparato a usare una strategia cognitiva per risolvere un problema, questa può essere utilizzata in altri ambiti.

Lo scopo di Feuerstein è stimolare le risorse che l’individuo ha dentro di sé.

L’aspetto maggiormente innovativo di Reuven Feuerstein è la concezione dell’intelligenza: secondo lui, non si nasce intelligenti, lo si diventa.

L’intelligenza può essere sviluppata, potenziata e allenata allo stesso modo in cui rafforziamo i muscoli.

Feuerstein sostiene che, non solo sia possibile migliorare intenzionalmente le capacità di apprendimento, ma che questo può essere fatto in modo indipendente dai contenuti insegnati. In passato l’intelligenza veniva considerata come un’entità fissa e immodificabile, come un dono dipendente anche dall’eredità familiare. Questa concezione dell’intelligenza può tradursi, quando presente ancora oggi, in una certa rassegnazione quando vengono a mancare i risultati sperati. Oggi, grazie anche alle più recenti scoperte delle neuroscienze, l’intelligenza non è considerata come una qualità immutabile, ma un’entità plastica e modellabile nel corso del tempo grazie all’ambiente circostante.Secondo Feuerstein il bambino costruisce la propria intelligenza attraverso un insieme di interazioni e di scambi favorevoli con i genitori, gli insegnanti e, più in generale, con tutte le persone responsabili della sua istruzione e della sua educazione. Secondo Feuerstein, “I cromosomi non hanno l’ultima parola”, ma l’educazione e l’interazione sociale contribuiscono in modo decisivo alla costruzione delle abilità cognitive e allo sviluppo dell’individuo.I problemi a scuola, ad esempio, non sono visti come “inevitabili”, ma come qualcosa su cui si può lavorare, in quanto sono visti come un segno del fatto che il bambino non sta utilizzando le strategie più efficaci per risolvere i problemi.

È in questo senso che si parla di “imparare a imparare”.

Mentre nella scuola tradizionale vengono posti al centro i contenuti (e meno male, bisogna imparare le nozioni e i fatti), nel Metodo Feuerstein i contenuti non hanno grande importanza e servono solo al Mediatore (ovvero colui che propone il Metodo) per giustificare l’utilizzo di determinate facoltà mentali. L’importante è strutturare nell’allievo adeguate modalità di pensiero, in modo che i suoi processi mentali siano il più possibile efficienti nel momento dell’apprendimento vero e proprio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...